Il bonus sociale

Il Bonus Elettrico
Il bonus sociale elettrico è uno strumento introdotto dal Governo al fine di agevolare le famiglie in condizioni di disagio economico e i soggetti che, a causa di una grave malattia, necessitano di apparecchiature elettromedicali. In particolare, il bonus consente di ottenere un risparmio sulla spesa energetica, ai clienti domestici intestatari di un contratto per la fornitura elettrica, della sola abitazione di residenza, con potenza impegnata fino a 3 kW (se con familiari residenti in numero non superiore a 4) o fino a 4,5 kW (se con numero familiari residenti superiore a 4) e:

  • appartenenti ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 7500 euro (clienti in stato di disagio economico);
  • appartenenti ad un nucleo familiare con più di 3 figli a carico e ISEE non superiore a 20.000 euro (clienti in stato di disagio economico);
  • presso i quali viva un malato grave che debba usare macchine elettromedicali per il mantenimento in vita. In tal caso non ci sono limitazioni per quanto riguarda la residenza o la potenza impegnata (clienti in stato di disagio fisico).

Il risparmio garantito dal bonus con riferimento alle famiglie numerose ed economicamente disagiate, si attesta nel 2013 a:

  • € 71 (con 1 o 2 componenti)
  • € 91 (con 3 o 4 componenti)
  • € 155 (con più di 4 componenti)

Invece, per quanto concerne i clienti in condizioni di disagio fisico, il bonus si articola su 3 livelli (vedi tabella sottostante) e viene attribuito loro in base al numero di apparecchiature elettromedicali usate e al tempo giornaliero di utilizzo.

  FASCIA MINIMA FASCIA MEDIA FASCIA MASSIMA
Extra consumo rispetto a cliente tipo (2.700kW/anno) Fino a 600kW/anno Tra 600 e 1.200 kW/anno Oltre 1.200kW/anno
  €/anno per punto di prelievo
Ammontare bonus (fino a 3kW/residente) € 176 € 291 € 422
Ammontare bonus oltre 3kW (da 4,5 kW in su) € 415 € 526 € 636

Il Bonus Gas
Il bonus sociale gas è uno strumento introdotto dal Governo al fine di agevolare le famiglie in condizioni di disagio economico, attraverso l’applicazione di uno sconto in bolletta. In particolare, possono accedere al bonus, tutti i clienti domestici intestatari di un contratto per la fornitura di gas naturale:

 

  • nel luogo di residenza;
  • con misuratore di classe non superiore a G6;
  • con un valore ISEE non superiore a 7.500 euro (per i nuclei familiari con meno di 4 figli);
  • con un valore ISEE non superiore a 20.000 euro (per i nuclei familiari con almeno 4 figli).

 

Lo sconto è riconosciuto anche alle famiglie che usano impianti condominiali alimentati a gas naturale. In tal caso, se non si dispone di un contratto diretto con un venditore di gas, il bonus può essere ritirato presso gli sportelli delle Poste Italiane (erogazione tramite bonifico domiciliato).
Il bonus viene riconosciuto solamente per le forniture di gas naturale distribuito a mezzo di rete e quindi non per il gas in bombola o per il GPL.
Il suo valore è differenziato:

  • per zone climatiche;
  • per tipologia di utilizzo (cottura cibi, riscaldamento e/o acqua calda);
  • per numero di persone residenti nell’abitazione.

Il bonus gas, infine, è cumulabile con il bonus elettrico.

Come richiedere il bonus sociale per grave disagio economico.
Il cliente per richiedere il bonus sociale deve:

  1. recarsi al proprio comune di residenza (o presso un altro istituto da esso designato);
  2. compilare l’apposita modulistica, ivi reperibile ed anche scaricabile dal sito dell’Autorità;
  3. presentare copia dell’attestazione ISEE, ottenibile a sua volta:
    • redigendo una dichiarazione sostitutiva unica (DSU), in base ad un modulo reperibile presso Comuni, CAF o sedi INPS, e contenente informazioni su nucleo familiare, redditi e patrimonio;
    • presentando tale dichiarazione a Comuni, CAF o sedi INPS;
    • ricevendo da quello fra essi a cui ci si è rivolti, l’attestazione provvisoria necessaria per l’attribuzione del bonus e contenente le informazioni della DSU, gli elementi  utili al calcolo dell’ISEE, oltre all’indicazione del valore ISEE stesso.
  4. presentare copia di un documento di identificazione(nel caso fosse di un soggetto delegato, deve essere accompagnata dalla delega a presentare la dichiarazione).

Come richiedere il bonus sociale per grave disagio fisico.
Il cliente per richiedere il bonus sociale deve:

  1. recarsi al proprio comune di residenza (o presso un altro istituto da esso designato);
  2. compilare l’apposita modulistica, ivi reperibile ed anche scaricabile dal sito dell’Autorità;
  3. nel caso di cittadini inclusi negli elenchi delle forniture non interrompibili ai sensi del PESSE (Piano di Emergenza per la Sicurezza del Sistema Elettrico), presentare un’apposita autocertificazione che specifichi il tipo di apparecchiatura elettromedicale utilizzata, l’indirizzo presso il quale la medesima apparecchiatura è installata e la data a partire dalla quale si utilizza l’apparecchiatura elettromedicale;
  4. nel caso di cittadini non inclusi negli elenchi delle forniture non interrompibili ai sensi del PESSE, presentare l’apposita certificazione, reperibile presso la ASL di appartenenza, attestante l’utilizzo dell’apparecchiatura elettromedicale, il tipo di apparecchiatura installata, l’indirizzo presso il quale l’apparecchiatura è installata, la data a partire dalla quale si utilizza l’apparecchiatura elettromedicale;
  5. presentare copia di un documento di identificazione (nel caso fosse di un soggetto delegato, deve essere accompagnata dalla delega a presentare la dichiarazione);

 

  •  
  •  
  •  
  •